Benvenuto


Questo è il nostro spazio, che gestiremo insieme. Leggete i miei post, inviate i vostri commenti ed, insieme, cercheremo di rendere interessanti questi momenti dedicati a Noi ed al nostro Mondo.
Clo

lunedì 30 marzo 2015

Gnocchi di pane e spinaci (Strangolapreti)

 
 
Il pane è il cibo che ricicliamo più degli altri; si utilizza infatti in molte preparazioni tipiche regionali. Questa che ho scelto per riciclare del buon pane di Genzano raffermo, è una ricetta tipica della cucina  trentina;  gli strangolapreti, gnocchi di pane raffermo e spinaci, conditi con del buon burro fuso aromatizzato con salvia fresca e grana del Trentino. Un piatto povero, veloce da preparare e che, oltre al pregio del riciclo, fornisce alla semplicità del pane e degli spinaci un gusto raffinato ed un eccezionale mix di sapori.
Ingredienti
200 g  di mollica di pane raffermo
400 g di spinaci freschi
un uovo intero e un tuorlo
300 ml circa di latte intero
15 g di  farina
50 g di parmigiano grattugiato (o grana trentino)
50 g di burro
un rametto di salvia
sale, pepe, noce moscata q.b.
farina q.b.
Tagliare a pezzettini piccoli la mollica di pane, lasciarla ammorbidire in una ciotola con il latte tiepido. Mondare e lavare bene gli spinaci, lessarli in pochissima acqua leggermente salata per pochi minuti, scolarli, passarli sotto l’acqua fredda e strizzarli molto bene. Tritarli con il coltello e metterli in una ciotola capiente, aggiungere la mollica del pane ben strizzata, il parmigiano, la farina. Unire l’uovo intero con il tuorlo sbattuti a parte, salare, pepare e se piace, aggiungere noce moscata.  Amalgamare bene tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto compatto lavorabile con le mani (se serve aggiungere del pangrattato). Formare delle palline del peso di 10 g l'una o, come ho scelto di fare io; pesare piccole porzioni d'impasto del peso di 20 g l’una e dare una forma ovale come una noce. Passare gli gnocchi nella farina, tuffarli in acqua bollente salata (bollore dolce) pochi per volta per evitare che si attacchino l'uno con l’altro e mescolarli delicatamente. Quando tornano a galla sono cotti, scolarli con un mestolo forato e adagiarli in un piatto largo. Condirli con burro fuso aromatizzato con foglie di salvia,  parmigiano reggiano e pepe appena macinato.   
 

Si può trasferire il composto sulla spianatoia leggermente infarinata e, dopo aver formato dei salsicciotti di 2 cm di diametro, tagliare dei pezzettini lunghi 2-3 cm e procedere come sopra per la cottura.
 
 


10 commenti:

  1. Sono bellissime e anche buoni immagino!!!*Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un sapore delicato...difficile pensare che l'ingrediente base è pane raffermo! Ciao bellissima! Buona Pasqua!

      Elimina
  2. Questi piatti danno tanta soddisfazione ! Molto belli e sicuramente buoni !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tanta soddisfazione perché con poco porti in tavola un piatto veramente gustoso! Un abbraccio e buona Pasqua!

      Elimina
  3. Che appetitosi... mi viene l'acquolina in bocca...

    RispondiElimina
  4. Un primo piatto gustosissimo e delicato allo stesso tempo, una bontà!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  5. Semplici ma davvero gustosi!!!

    Buon inizio settimana
    lolle

    RispondiElimina
  6. It looks very tasty !
    Greetings

    RispondiElimina
  7. Vi auguro buon viaggio e buone vacanze e spero che vi troviate bene qui in Giappone!

    RispondiElimina
  8. Ora siete già partiti? Spero che tutto il viaggio vada bene. Qui il tempo è bellissimo, divertitevi.
    Buone vacanze.

    RispondiElimina

Print/PDF